Sarà visitabile fino al 28 febbraio 2019 la mostra Scienza e vergogna. L'Università di Torino e le leggi razziali organizzata dall'Università di Torino in collaborazione con il Sistema Museale d'Ateneo e l'Archivio Storico nell'ambito del Progetto 1938-2018. A 80 anni dalle leggi razziali.
La mostra esprime la consapevolezza del drammatico rapporto che l'Ateneo torinese ebbe con questo momento cruciale della storia del nostro paese. L'Università di oggi si identifica con le vittime, tra cui campeggia il nome di Rita Levi Montalcini, le commemora e le ricorda. L'Università di allora è giustificatrice ed esecutrice delle leggi razziali: il mondo accademico coopera a definire il quadro pseudo-scientifico che prepara le leggi. L'Ateneo esegue amministrativamente con zelo la cacciata dei discriminati e accoglie chi ne prende il posto. Inoltre, attraverso il suo corpo studentesco e docente sostiene la propaganda e la mobilitazione razzista, aggiungendo un surplus di odio nei confronti delle vittime.

Dove: Sala Athenaeum, Biblioteca Storica Arturo Graf, Palazzo del Rettorato, via Po 17/via Verdi 8, Torino.
Quando: 16 novembre 2018 - 28 febbraio 2019. Orario: lunedì-venerdì 10.00-18.00. Chiuso sabato e domenica.
Periodo natalizio: apertura nei giorni 27 e 28 dicembre 2018 / 2, 3, 4 gennaio 2019, ore 10.00-18.00. Ingresso: gratuito.

Visite guidate: per info didattica@museodiffusotorino.it | tel. 011 01120796/788


  • Mostre
    • 2018
      • Scienza e vergogna. L'Università di Torino e le leggi razziali

1935_1.JPG
Le radici del razzismo fascista vanno ricercate ben prima del 1938 e del varo della legislazione razziale. Un clima di sospetto e segnali di malcontento tra gli studenti universitari sono documentati in due lettere del 1935, in cui il segretario del…

Etichette


19380214_telegramma_cifrato.JPG
Telegramma cifrato.
Ancor prima dell’avvio ufficiale del «censimento del personale di razza ebraica», già il 14 febbraio 1938 il Ministero dell’Educazione Nazionale richiede al rettore dell’Università di Torino il numero di professori ebrei,…

Etichette


19380809_censimento_circolare_Bottai.JPG
Con la ricezione, in data 24 agosto, della circolare del 9 agosto, unitamente a «un congruo numero di schede», il censimento esce dalle pratiche riservate e diventa ordinario lavoro d’ufficio. A tutti «coloro, di ruolo o non di ruolo, che a qualsiasi…

19381014_elenco_sospesi_1.JPG
L’entrata in vigore del Regio Decreto-Legge 5 settembre 1938, n. 1390 Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista causa la sospensione dal servizio, con decorrenza dal 16 ottobre, del personale insegnante «di razza ebraica» di ogni…

7_espulsione.jpg
Assistente volontaria presso la Clinica delle malattie nervose e mentali dell'Università, Rita Levi è sospesa dal servizio dal 16 ottobre 1938, a causa dell'entrata in vigore del Regio Decreto-Legge 5 settembre 1938, n. 1390 Provvedimenti per la…

19390611_separazione_esami_telegramma_Bottai.JPG
Il Regio Decreto-Legge 5 settembre 1938, n. 1390 Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista vieta l’iscrizione di studenti ebrei alle scuole di qualsiasi ordine e grado. Consente tuttavia, in via transitoria, il completamento degli…

19381022_circolare.JPG
Le Disposizioni sull’ordinamento didattico universitario emanate con R.D. 30 settembre 1938, n. 1652 introducono nei piani di studio delle Facoltà nuovi insegnamenti con esplicito contenuto razziale. L’insegnamento di Demografia generale e demografia…

Antropologia_riserva_cattedra.JPG
L'interesse del regime si sofferma su Antropologia, insegnamento complementare nel corso di laurea in Scienze Naturali della Facoltà di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Tale insegnamento, affidato a Giovanni Marro, risulta oggetto non solo…

Etichette


Allaria_sottotesi (2).JPG
Professore incaricato di Clinica pediatrica dal 1912, titolare della cattedra dal 1913 fino al 1943, nonché preside della Facoltà di Medicina dal 1937-38 al 1942-43, il professor Giovanni Battista Allaria è certamente da annoverare tra i sostenitori…

De_Rosa_Rivincita_Ario.JPG
I Gruppi universitari fascisti (GUF), attivi sin dagli anni Venti, aderirono con straordinario entusiasmo alla campagna razzista. Dall’agosto 1938 il razzismo diventa tematica centrale nella stampa dei GUF, che inaugurano specifiche sezioni interne…