Passa al contenuto principale

L'Archivio storico partecipa alla Notte degli Archivi del 5 giugno 2020, ideando e realizzando un podcast su donne e Università dal titolo “Vengono e vanno sole”. Donne all’Università, da curiosità a consuetudine.

Sono disponibili il podcast, il racconto di come è nato e una selezione dei documenti utilizzati.

Le donne studiano, le donne lavorano. Per secoli fonte di stupore e curiosità, oggetto di analisi e statistiche, ammirate come fenomeni rari, compatite dietro sorrisi sarcastici, temute come possibili sfidanti del predominio maschile, le donne hanno frequentato l’Università, dalle poche pioniere del Sette-Ottocento alle più fitte schiere del secondo Novecento. Un percorso di tre secoli conduce dalla dotta donzella Maria Pellegrina Amoretti a Rita Levi Montalcini: alla prima l’Università di Torino negò l’accesso nel 1776, ma si laureò in Legge a Pavia l’anno seguente; Rita Levi Montalcini, insignita nel 1986 del premio Nobel, ottenne la laurea in Medicina e chirurgia a Torino nel 1936, ma fu costretta dalle leggi razziali a proseguire la sua carriera negli USA.

Tra di loro, nell’ultimo quarto dell’Ottocento, la bolognese Maria Velleda Farnè, che, dopo la laurea nel 1878 a Torino, fu medica anche della regina Margherita di Savoia e Lidia Poët, che, laureatasi nel 1881, solo nel 1920, a 65 anni, poté iscriversi all’albo degli avvocati, grazie alla legge che nel 1919 abolì l’autorizzazione maritale e consentì alle donne di esercitare tutte le professioni a pari titolo degli uomini, pur con numerose eccezioni.

Crediti
Ideazione, ricerca di archivio e testi: Paola Novaria (Archivio storico).
Ricerca sonora e musicale: Dunja Lavecchia e Giulia Alice Fornaro (sezione Valorizzazione della Ricerca e Public Engagement, Redazione FRidA).
Voci: Giulia Alice Fornaro, Paola Novaria.
Registrazione e montaggio: Pasquale Massimo (UniTo News).
Musiche: You don’t own me, Lesley Gore; Ciaccona (Il primo libro delle musiche), Francesca Caccini; The good wife (theme), David Buckley.
Ringraziamenti: Barbara Curli (Dipartimento di Culture, Politica e Società).


  • Mostre
    • 2020
      • "Vengono e vanno sole". Donne all'Università da curiosità a consuetudine.

Podcast realizzato in occasione della Notte degli Archivi del 5 giugno 2020

10_fototessera2.jpg
La fotografia è allegata alla domanda di iscrizione al primo anno della Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università di Torino, datata 31 ottobre 1930.
La studentessa si firma "Rita Levi", col solo cognome paterno, poiché allora la famiglia non…

8_19381210_Pagine da Lambello_3-3 - Copia.jpg
Immagine a corredo dell'articolo di Clelia Guglielminetti "Perché le donne studiano", seconda parte dell'inchiesta pubblicata dal quindicinale degli universitari fascisti «Il Lambello».

7_19381110_Pagine da Lambello_3-1 - Copia.jpg
Prima parte dell'inchiesta realizzata da Clelia Guglielminetti e pubblicata dal quindicinale degli universitari fascisti «Il Lambello».

6_Poet.JPG
Nasce a Traverse di Perrero (Torino) nel 1855 in una colta famiglia valdese. Dopo aver conseguito il diploma di maestra e superato l'esame di licenza liceale a Pinerolo, si iscrive nel 1877 alla Facoltà di Giurisprudenza, dove si laurea nel 1881.…

3_Amoretti_frontespizio_tesi.JPG
Nasce a Oneglia nel 1756 da Francesco, luogotenente d’artiglieria del re di Sardegna, e Maria di Pietralata (Pietralata). Dal 1769 al 1771 studia Filosofia nella propria città, avendo come professore Gaspare Morardo. Si dedica poi privatamente allo…

2_Velleda_laurea_1878.JPG
Nata a Bologna nel 1852 o 1853, si iscrisse nel 1872 alla Facoltà Medicina e chirurgia a Torino, dove si laureò nel 1878. Il fatto singolare ricevette attenzione sul quotidiano "La Stampa". Dalla fine degli anni Ottanta risulta attiva a Roma e negli…

1_signore_iscritte_1879.JPG
In risposta a un quesito posto dal Ministero della Pubblica istruzione, gli uffici redigono una tabella in cui figurano quattro studentesse: Lidia Poët (Facoltà di Giurisprudenza), Teresa Bargis e Carlotta Capra Novarese (Facoltà di Lettere e…