Passa al contenuto principale

Titolo: Giorgio Levi della Vida professore per un triennio all'Università di Torino

Descrizione: Nato a Venezia nel 1886, segue il padre direttore di banca in diverse città, poi definitivamente a Roma, dove si laurea alla Sapienza con l’orientalista Ignazio Guidi nel 1909. Dopo esperienze di studio alla Scuola archeologica italiana di Atene e all’Università del Cairo, nel 1913 vince la cattedra di Arabo all’Istituto orientale di Napoli e poi nel 1916 la cattedra di Lingue semitiche all’Università di Torino, dove resta un triennio. Durante la guerra è richiamato presso il Servizio Informazioni del Comando supremo a Roma. Dal 1920 è titolare della cattedra di Ebraico e lingue semitiche già del suo maestro Guidi alla Sapienza. È da subito nettamente ostile al fascismo e firma il crociano Manifesto degli intellettuali. Allontanato dall’insegnamento universitario per il rifiuto del giuramento fascista del 1931, prosegue la sua attività di studio e pubblicazione presso la Biblioteca Vaticana. L’approvazione della legislazione anti-ebraica lo induce a espatriare negli Stati Uniti, da cui rientra una prima volta nel 1945, reintegrato nell’insegnamento universitario e in tutti gli incarichi, e poi, dopo un ulteriore biennio americano, nel 1948. Tiene fino al 1956 la cattedra di storia e istituzioni musulmane alla Sapienza.

Fonte: Archivio storico dell'Università di Torino, Corrispondenza istituzionale

Editore: Digitalizzazione: Università degli Studi di Torino, 2021

Data: 1917-1918

Gestione dei diritti: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale

Formato: image/jpeg

Citazione: “Giorgio Levi della Vida professore per un triennio all'Università di Torino,” L'Archivio in mostra, ultimo accesso il 28 novembre 2021, https://www.asut.unito.it/mostre/items/show/520.